Brividi


Traklist BRIVIDI
1. Evviva l’Italia (Sircus)
2. Scusa se faccio rap
3. Troppo tardi feat. Klaudya 2k
4. Solamente una notte
5. Ragazzi di oggi
6. Mille fate colorate
7. Ho trovato le parole
8. Vite hardcore
9. Ombre nel deserto
10. Tu sei
+ Bonus track: Ho trovato le parole RMX

———————————————————————————————————————-

EVVIVA L’ITALIA
Venghino, signori venghino, cerchino i posti migliori e si accomodino,
ognuno dev’essere comodo e pronto a godersi lo show del secolo.
Vedrete i pagliacci migliori, coriandoli e fiori, serpenti e leoni,
avrete occasioni a milioni per spender milioni nei modi peggiori!
Farete festini e casini a bordo di una barca con signori in tanga, in gamba
e notti senza confini ma inclini al consumo di polvere bianca, tanta.
Qualsiasi schifezza e reato sarà cancellato dal vostro passato,
il successo che avete ottenuto l’avete sudato ma il popolo è ingrato!

Rit
Evviva l’Italia, il bel Paese, che non arriva alla fine del mese.
Evviva l’Italia, la nostra patria, dove comanda tranquilla la mafia.
Evviva l’Italia, la sua bandiera, che ogni giorno diventa più nera.
Evviva l’Italia e gli italiani, evviva 60 milioni di schiavi!

Potrete cambiare la legge o creare un lodo che in più vi protegge in modo
che se un giorno il gregge s’incazza, il gregge si ammazza, e voi vi si elegge di nuovo.
Dovete tenervela stretta la vostra poltrona è la vostra corona,
che nessuno mai si permetta di mettere piede nella vostra zona!
Attenti perché di serpenti son piene le case di questi italiani,
e… i giovani d’oggi son strani, pretendon di scegliere il loro domani e fan piani
manifestazioni, cortei e striscioni, perché ascoltiate le loro ragioni,
ma le soluzioni per questi signori, sono i manganelli e poi le prigioni!

Rit

Siamo ricchi, è vero… e non paghiamo niente, zero tasse, quelle… le lasciamo pagare alla gente.
Ma siamo anche ingordi, e no, non cambieremo, coi nostri girotondi, da qui non ci muoviamo!
Colleghi, del parlamento vi chiedo un secondo solo di silenzio,
sto preparando un nuovo decreto che ci permetta un piccolo aumento.
E’ inutile che dite basta, le vostre mani mettetele in tasca,
le nostre mani saran mani in pasta, continueremo a chiamarci la casta!

———————————————————————————————————————-

SCUSA SE FACCIO RAP
25 anni e sono ancora qua, che perdo tempo con il rap e la musica.
Sarebbe ora anche di smetterla mi dice mio papà, e c’ha ragione ma sta merda è droga, frà!
Non ce la faccio, ogni cd è un laccio al braccio, cazzo, roba che consumo e roba che spaccio,
mi caccio sempre in qualche nuovo progetto utopistico, è un classico, di questa roba ormai sono un tossico.
Affamato come un pescecane, rubo basi americane e zero pare se il mio sound è underground o commerciale.
Fotte sega della scena, fuori da ogni schema, mi stan sul cazzo jam, bboy e il loro sistema.
Mi puoi trovare ad un concerto di musica classica e il giorno dopo ad un rave con roba elettronica, mi puoi veder vestito da fighetto ad una festa e poche ore dopo che smandibolo fuori di testa!
Rock&roll baby, muoviti con me lady, stiamo in piedi finchè non svieni mi credi?!
E se non vieni ballerò da solo, sono, abituato e ci godo a star fuori dal coro, chiaro?!

Rit
SCUSA, se non faccio il gangster. SCUSA, se non sono superman!
SCUSA, se non mi vesto come te. SCUSA, se faccio solo un po’ di rap!
SCUSA, se non faccio brutto. SCUSA, se non spacco tutto!
SCUSA, non sono un farabutto. SCUSA, ma del tuo parere me ne fotto!

Mio padre non è un alcolizzato e mia madre non mi ha mai picchiato
sono, un ragazzo fortunato, e scusate se faccio rap nonostante mai nessuno mi abbia maltrattato!
Non sono nato per strada, non mi sono mai fatto una spada, non ho idea di come si spara,
di come ci si sente senza grana, di come ci si sente quando qualcuno ti sbrana (fuck!)
Cos’è, se non vieni da un ghetto non sei credibile, cazzo è incredibile, qui devi farti uccidere per rendere più interessanti le tue liriche, devi dimostrare che non hai niente da perdere.
Fanculo! Io c’ho da perdere il mio futuro, e stai sicuro, fotte sega di fare il duro per diventar qualcuno, piuttosto, mi faccio il culo e sudo, scrivo ciò che vivo e poi vedremo, chi fra qualche anno sarà in giro…

Rit

Musica, energia carica. E voglio musica, energia carica. Dammi solo musica, ed energia carica…
Ma stai attento a non confondere, il sottoscritto per un figlio di papà che non si sa difendere!
Ho spalle larghe uomo, due palle da vendere a peso d’oro, ed un lavoro che, non hai neanche idea di quanto sia rischioso.
Sono un ribelle, ma mi emoziono guardando le stelle e prendo a pugni il mondo ma odio le guerre.
Dico quel che penso e faccio quello che dico, rimetti il pezzo dall’inizio se non l’hai capito

———————————————————————————————————————-

TROPPO TARDI feat Klaudya 2k
Troppi vuoti da colmare, mi manchi sai Fede, non hai neanche idea di quante sere,
mi son messa a pensare, al troppo tempo perso a non amare, persa nei miei mondi e le mie cose da sbrigare. Ma ora dimmi, che cosa resta? Ora che non c’è più nulla nella testa, se non il tuo ricordo e basta, che unito al tuo silenzio a poco a poco mi devasta.
Dove sei Faz, dove sei? Non mi rispondi e ti nascondi, per abbracciare le mie notti insonni, e rendermi nostalgica al mattino, mentre sorge il sole non ti sento più vicino.

Rit
Troppo tardi, troppo o niente.
Chi ti dice che sarà per sempre sai mente, e questo l’ho capito solo grazie a te, frà…
volevo dirtelo, ora è troppo tardi, torna qua.

Troppo tardi per giocare, o per ricominciare, troppi gli interrogativi su cui farsi pare, perché la vita prima ti dà vita e poi ti uccide, tu l’hai già capito e le hai posto una fine…
Ripenso ai giorni tristi con le nostre litigate, Dio quanto ti ho odiato, per quante me ne hai date. Però tutto si annulla quando penso al 4 aprile, che in punta di due piedi decidesti di partire… E è troppo tardi per capire, per sfuggire, da una nuova ferita che mi fa male, per guarire, da questo stato mentale, che sgorga dai miei occhi e mi impedisce di pensare che è…

Rit

Manca il respiro, continuo a pensarci ma non ci arrivo, mi chiedo chi scrive e decide il nostro destino, se c’è da qualche parte un essere divino, che gioca con la nostra sorte e decide il nostro cammino.
Perché in un attimo sei diventata polvere (Elena) ti piaceva correre, ridere, vivere.
Tu, bella come il sole. Tu… stella che mai muore ma si muove tra le mie memorie.
Maledetto l’angelo che ti ha portata via, ma tu l’hai detto al cielo che stava facendo una follia?!
Troppo tardi per farti domande, troppo grandi questi istanti e tu troppo distante e nonostante, ti abbia detto mille cose non ti ho detto quella più importante, che per me, eri parecchio importante, che per me splendevi come un diamante, che per me… bhè non eri una tra le tante.
Ora resta il tuo ricordo ma non solo quello, resta il tuo sorriso che conservo come un gioiello.
Resta la tua immagine, sempre più indelebile, in questa maledetta vita così fragile.

Rit
Troppo tardi, troppo o niente.
Chi ti dice che sarà per sempre sai mente, e questo l’ho capito solo grazie a te, ma…
volevo dirtelo, ora è troppo tardi, torna qua.

———————————————————————————————————————-

SOLAMENTE UNA NOTTE
2 secondi, 2 sguardi profondi e tu che diffondi, polvere di stelle tra i miei sogni e mi confondi.
Poi ti nascondi, tra i mondi di… questi nostri cuori vagabondi.
Sono qui miledy, lasciamo fuori i problemi, dimentichiamo gli schemi, ridiamo come gli scemi.
Questa sera sono tuo, solo tuo, solo tu, e solo io.
Alla luce, di una candela quasi spenta, spogliati lenta, sei stupenda.
Momento magico, ma sarà vero o no, mi sento in bilico e non mi muovo!
Fammi quello che vuoi, dammi quello che puoi e poi, dimmi che noi, a queste sere non rinunceremo mai e balleremo insieme come solo io so, come solo tu sai…

Rit
Una, solamente una notte…
Portami lontano dalla gente, non pensiamo a niente
Poco importa che domani ne sarà di noi
Perchè ora, voglio solo volare…
Vivere ogni sogno più nascosto, risvegliarmi nel tuo mondo
per lasciarti senza nostalgia di ogni tuo gesto

Ho voglia di volare con te, sentire la tua pelle su di me,
perchè stanotte è nostra e non c’è, nessuno al mondo che puo’ cambiar le cose!
E non chiedermi quanto durerà, quanto questa luce brillerà,
viviamo questo momento, voliamo nel vento lontano da tutti e da questa città.

Sento la tua pelle che profuma di pesca, mi manda fuori di testa, in questa,
notte di sesso, notte di festa, confesso, vorrei dirti basta ma non ci riesco!
Perche’ domani mattina non sarai piu’ la regina che il giorno prima mi guardava e con lo sguardo mi rapiva, e dimmi quanto, staremo male quando, ci renderemo conto che in fondo…
non era solo un gioco, non era solo un bacio, io questo fuoco lo sento e ancora brucio.
Tutto quel che faccio ora sembra inutile, resto muto, fisso il vuoto e vedo la tua immagine…
Allora penso che se, tutto cio’ ha avuto un senso è perchè…
è durato solo un secondo, ma in quel secondo, io e te, abbiam vissuto un momento irripetibile.

———————————————————————————————————————-

RAGAZZI DI OGGI
Nati, nei disperati anni ottanta, genitori rivoluzionari e pantaloni a zampa. 

Noi, cresciuti in un decennio che ha lasciato il segno, che ha cambiato il mondo, ma non in meglio.

Nel 1980 uccidono John Lennon, un genio cazzo, ammazzato da un povero scemo. 

Un anno dopo scoprono una nuova malattia, e’ l’AIDS e sarà una devastante epidemia. 

Nell’85 siamo nello stadio di Bruxelles, 39 morti tra i tifosi, è una strage. 

1986 Cernobyl: dimostrazione, che la follia umana non ha limiti.

Nell’89 in Piazza Tien an Men, cararmati e pistole contro studenti a mani nude
e lo stesso anno cadde il muro di Berlino, cadde l’ultimo cecchino, sarà stato anche destino,

ma in mezzo a sto casino cresceva un bambino 
e un’intera generazione che ora ha il mondo in mano!

Rit
Siamo i ragazzi di oggi, cerchiamo spazi, con zero scazzi e altrettanti appoggi.

Noi con pochi mezzi, Voi con tanti vizi, vi tiriamo scemi e poi facciamo a pezzi.

Ragazzi di oggi, cerchiamo spazi, con zero scazzi e altrettanti appoggi.

Noi con pochi mezzi, Voi con tanti vizi, vi tiriamo scemi e poi facciamo a pezzi.

Multinazionali, imprenditori senza scrupoli, inceneritori del buon senso e tangentopoli.

Nani megalomani schiavi di soldi facili, Voi… politici corrotti pieni di schifosi alibi.

Ma siamo noi quelli delle stragi sabato sera, quelli che fotte sega se si finisce in galera.

Siamo noi poi i ragazzi senza valori, quelli troppo fuori che si fumano troppi cannoni.

E siamo sempre noi quelli d’accusare, quelli da multare, quelli a cui rivolgersi se qualcosa va male.

Eppure noi qui si prova soltanto a nuotare, si tenta di stare a galla in questa merda di mare

tra una tv, che ci vuole lobotomizzare, per poterci comandare come meglio gli pare
divise blu, pronte ad attaccare, uomo testa alta tienila su, almeno tu, non ti piegare!

———————————————————————————————————————-

MILLE FATE COLORATE
Un altro giorno, un altro istante, un altro noi…

Ehi bimba, ma quanto sexy sei stasera? Ma sei vera, oppure sono i miei 6 rum & pera?!
e non ti stanchi mai, perché tu già lo sai, che mi stai di nuovo, mettendomi nei guai.
In questa notte nera, con questa luna piena, io sono il tuo leone, tu sei la mia pantera.
Con questa luna piena, in questa notte nera, saremo entrambi, cacciatore e preda.
E danzeremo insieme tra le stelle più belle, e m’innamorerò dell’odore della tua pelle.
Saremo i soli padroni del nostro mondo, bambina, saremo noi, fuoco e benzina!

Rit
Un altro giorno, un altro istante, un altro noi…
Un altro giorno, un altro istante, un altro noi…

Fragole e champagne fino all’alba, sotto l’ombra di una palma, con calma
sentirai la mia mano che ti scalda e che ti spalma, un po’ di cioccolata calda, in questa calda
notte d’estate, intorno a noi mille fate colorate, e mille voci sussurrate…
che ci cullano e ci dondolano, in mezzo alle onde dell’oceano.
E poi giocheremo con alcuni cubetti di ghiaccio, vedrai che viaggio, faremo cose da fotomontaggio.
Saremo noi come un fiume in piena, si, noi un fiume in piena, che si scatena!

Rit

Ti saluterò con gli occhi lucidi, credimi, e pensami, pensa a quei momenti fantastici.
Io, ti ricorderò con quel sorriso, con quel sole che ti splendeva in viso.
E sarà tutto di nuovo un’altra volta, per un istante chiudi gli occhi e ascolta…
Ascolta le mille voci delle nostre fate colorate, sarà di nuovo quell’estate.
E danzeremo insieme tra le stelle più belle, e m’innamorerò dell’odore della tua pelle.
Saremo i soli padroni del nostro mondo, bambina, saremo noi, fuoco e benzina!

———————————————————————————————————————-

HO TROVATO LE PAROLE
Per 5 anni ti son venuto dietro, e poi di lato, davanti, vicino e da un metro.
Le abbiam provate tutte, ed ogni notte, erano lotte, erano botte ed ossa rotte,
ricordo il vetro appannato e il sedile inclinato, ricordo il tuo fiato, cazzo quante volte mi sarei impiccato!
Ricordo la tua testa, in mezzo alle mie gambe, almeno quando eri lì… non facevi domande
del tipo: amore ma mi ami? ma tanto quanto mi ami? amore mi chiami domani?
e io si, certo, sicuramente, ora te lo posso dire, eri una svuota coglioni eccellente!
Ricordi quella volta a casa dei tuoi, cenetta a lume di candela e poi, un bel joint,
era una sòla, e io: amore fuma che ti stona, fuma da sola che da rincoglionita sei più buona!
Sapessi quante palle ti ho raccontato, e quante altre tipe mi sono montato,
ma ero innamorato credimi, quando ti dicevo guardami, e soprattutto quando ti dicevo piegati
e tu ci credevi veramente, e tu mi guardavi e ti piegavi senza dire niente,
che deficente, amore se la merda fosse oro, amore, tu saresti il mio più gran tesoro!

Rit
Ho trovato le parole e ora ti dico con il cuore, qualcosa di carino, amore
4 sillabe, 10 lettere, sentile: va-ffan-cu-lo!
Ho trovato le parole, e ora ti dico con il cuore, qualcosa di carino, amore
4 sillabe, 10 lettere, vattene: a-fan-cu-lo!

Ti ho dato ragione quando sparavi stronzate, cazzate oscene da poterci scrivere due biblioteche
Tu non capivi, na sega, di cinema – arte – cultura – politica – musica
Figa, parlare con te era come parlare con il muro, parlare con te era come parlare con un mulo,
di stare insieme a te non lo auguro a nessuno, che stare insieme a te e come fottersi il futuro!
Ma grazie al cielo, mi hai presentato la tua amica, e neanche lo sapevo, come sarebbe finita,
ogni domenica non ero alla partita, ero con lei che sapeva come rallegrarmi la vita.
Amore, quell’anello con sopra il tuo nome, quello… non era oro ma 100% ottone
me l’ha venduto un barbone in stazione, tu: te la tiravi, io: ti ho tirato il bidone!
E ho cercato, di essere carino ed educato, il perfetto amante innamorato
ben vestito, raffinato, candido e pulito, da mozzafiato, ma ora MI sono stufato, amore mira il dito

Rit

Ti ho portato ingiro, ovunque volessi andare, e ti ho perfino, comprato le rose.
1000 giornate noiose, e situazioni vergognose, ora fai la schiava che io faccio il padrone!
Spogliati, spogliami, fottimi e scordami, leccami, mordimi, legami e mollami,
e, fai contenti, tutti i miei amici qui presenti, eppoi torneremo per pagarti gli alimenti.
Dirai che son crudele, dirai che son scurrile, dirai che son volgare e non ho stile
hai ragione ma, questa volgarità, non è gratuita, è la cruda verità!
Questo pezzo è dedicato a te, e, a chi come te crede che, se
hai 2 tette e un culo tondo, puoi, comandare il mondo e avere tutti intorno.
Bimba… io quel culo te lo sfondo!

———————————————————————————————————————-

VITE HARDCORE
Noi… gente che vive di notte tipo vampiri, sempre i primi a cacciarci nei casini.
Alla continua ricerca di un po’ di adrenalina, da metter dentro una cartina o da tirarsi in una riga, figa.
Siamo i volti di una generazione di sconvolti e resteremo tali finchè non saremo morti.
E nel frattempo, consumiamo il tempo, tra picchi di disperazione e di divertimento, non sento
parlami più forte, a volte, chiudo le porte e prendo a pugni la mia sorte!
Cazzo vuoi farci? Qui bisogna starci, più che a lamentarci, pensiamo a sopravvivere e a farci…
Alcolici, tossici, psichedelici, elementi chimici e le menti fragili, diventano… dai potenti manovrabili
Ma noi no! E se non ti va bene vattene a fanculo!
Testa piena di festa fino a mattina, continua la saga di chi si ostina e abbina,
notti bianche a giorni di lavoro straziante, ma noi si resta in piedi, noi si vive alla grande!
Sesso droga e rock and roll, da Barcelona a New York, da Londra ad Hong Kong…
– —- —- —- bong! Cazzi duri rigaz e tanta roba nel flow!

Rit
Viviamo vite hardcore, viviamo in uno show, bad boys for life squad, ouh!
Vite hardcore, le peggio cose brò! 24 non stop, yo!

Il nostro album di foto è peggio di Rotten, ultimamente abbiamo sodomizzato e ucciso anche Harry Potter, e Alice nel paese delle meraviglie, adesso è chiusa in cantina con le manette alle caviglie
insieme a lei, c’è Cappuccetto rosso, col culetto rotto e quando sono fatto, a volte me la fotto
ma non troppo, visto che quando finisco io arriva Rocco!
Cazzo credevi? Di metter su sto cd e rimaner in piedi?! Ma mi spieghi… come cazzo hai fatto a perderti in sti pensieri?! Qui ci trovi solamente i nostri peggiori scleri!
Ehi scemo, credevi forse di essere a Sanremo?! Ma ti prego, questa è musica da sbrego!
Si va si va, l’auto corre sulla strada, il sub pompa beat gonfi tipo Ambasada.
E dammi questa merda di suono uomo… e poi buttati per terra perché esplodo uomo!

E mi fumavo 20 canne al giorno, è vero… ma poi pensavo a come cambiare il mondo, e ancora ci credo!

———————————————————————————————————————-

OMBRE NEL DESERTO
Inconscio del tempo che mi gira intorno, rifletto sul da farsi giorno dopo giorno
pensando ai pochi ricordi che non ho dimenticato, riesco a focalizzare la mia vita nel passato
Svaniscono speranze come ombre nel deserto, solo adesso vedo il mio destino incerto
Soffocato come acqua sopra il fuoco, in un mare d’incertezze ora nuoto
Vedo solo la sabbia che trascinata dal vento mi circonda nel vuoto del suo desertico canto
Quindi canto, invoco a qualche strano avvenimento, che nel tempo, mi alzerà dal fondo
In fondo, sono piccole fughe da una realtà troppo ovvia, ma è ovvio, che un prigioniero scappi dalla gabbia… e quanta rabbia, quanto inutile dolore, nel vedere, che la tua opera è andata male

Rit
Ombre nel deserto… Sono ombre nel deserto…

Ti sembra d’impazzire dentro un mare di domande, dove le tue incertezze sono grandi come onde
E ripensi a lei, che ora sta con lui, e quanto vorresti rivedere gli occhi suoi!
Foglie che cadono il tempo passa ma, non c’è più sosta qua, alla fine, come sarà sarà, ma si spera che continuerà, la vita no, non finirà!
Ancora una volta contro il mondo, sperando che, lacrime rosse non cadranno sull’asfalto, in fondo, forse, la mia guerra, qualcosa sta cambiando…

Rit

Sopra le nuvole vedo la luce della luna, che sulla strada riflette la mia triste figura
Vedo l’ombra di un uomo che non sa dove andare, triste anima dispersa che non sa cosa dire
Sento i rumori della notte che invadono il silenzio, silenzio che mi porta sull’orlo di un precipizio
Andare o restare, morire o lottare, morire o lottare, andare o restare…

———————————————————————————————————————-

TU SEI
Sono solo, consumo la tua foto, con lo sguardo perso di un ragazzo innamorato
Studiare è inutile, impossibile, ora che la tua immagine è riflessa nel mio cuore
E resterà, per molto tempo ancora, dolce, pulita, splendida figura
Tu che mi hai odiato, Tu che mi hai amato, Tu che con il viso mi hai rapito poi stregato
Io non ho capito, Io non ho creduto, Io che ero convinto tu mi avresti poi venduto
Bellissimi momenti di amore e di affetto, frutto di un qualcosa che sembra essere perfetto
Un sogno senza giorno, un bene senza male, un gioco senza falli e potrei anche continuare
Potrei continuare a sognare un tuo sorriso, come un raggio di sole t’illumina il viso

Rit
Tu sei un qualcosa che rinasce. Tu sei un pensiero che sparisce. 

Senza te, senza te che sei la luce. Senza te, senza te che sei la pace.

Io senza te, il mare senza pesci, il cielo senza stelle, la notte senza luna
Io senza te morirei di dolore, io senza te non troverei più le parole
Io senza te sono un bambino abbandonato, io senza te sono un uomo rovinato
Ed è per questo che cerco le parole, per trasmettere tutto il mio amore
Tutto quel che provo e che proverò, standoti vicino felice sarò
Ti amo e lo dico perché lo voglio dire, Ti amo e lo dico per farlo sentire
Per farlo sentire a te e a tutti gli altri, per farlo sentire a chi ci guarda storti
Ma torno da te ragazza speciale, ma torno da te perché ti voglio baciare

Rit

Solo per te mi trasformo in un poeta, in un ragazzo che ha raggiunto la sua meta
Da un plebeo che è diventato imperatore, da una preda che ora è cacciatore
Da un topolino trasformato a leone, da uno schiavo passato a padrone
Mi trasformo comer Jim Carry in The Mask, mi trasformo da Milaus a Simpson Bart
Ma ora ti lascio ascoltar la mia canzone, rilegger le parole e portarle nel cuore
Ti lascio dormire angelo mio, ti prego dormi bene così dormo anch’io
Ti sognerò la notte, il giorno o la sera, con il sole o la luna piena, con il sole o la luna piena

———————————————————————————————————————-